TREND - MOSAICO HEXAGONAL 270 Visualizza ingrandito

TREND - MOSAICO COLLEZIONE HEXAGONAL NUMERO 270

HEXAGONAL 270

Nuovo prodotto

Tessere di mosaico di vetro semitrasparente colorato in fusione, miscelato con graniglia di smalti o di avventurina. Questa miscelazione separata permette di ottenere le classiche venature presenti nelle tessere.

Trend.jpg

Maggiori dettagli

100 Articoli

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO info@liberatosciolicasa.it Tel 085.4223075

207,40 € tasse incl.

Scheda tecnica

AZIENDA TREND
PAESE DI PRODUZIONE ITALIA
ANNO DI PRODUZIONE 2000
UTILIZZO INTERNO/ESTERNO
STILE MODERNO
MATERIALE Prodotto realizzato utilizzando fino al 55% di vetro riciclato post-consumo.
MISURA Formato 3 x 3,5 cm - Foglio 28,4 x 29,6 cm
SPESSORE 5 mm
NOTE Per la scelta dei materiali, fare riferimento agli allegati PDF sotto alla descrizione, dove potrete trovare tutte le informazioni i colori e le caratteristiche tecniche oppure contattate il nostro servizio clienti info@liberatosciolicasa.it
REALIZZIAMO I TUOI PROGETTI SU MISURA Inviaci il tuo progetto per un preventivo personalizzato. Puoi inoltre richiede la visita di un nostro incaricato per visionare la campionatura dei materiali.
CONSEGNA In 1-2 settimane, il tuo ordine sarà evaso dal nostro servizio di logistica in modo sicuro e conveniente e consegnato all'indirizzo indicato nell'ordine, tramite i migliori partners logistici specializzati nella gestione di prodotti fragili.
MONTAGGIO Ti possiamo fornire il montaggio del prodotto eseguito dal nostro personale specializzato che dopo una accurata pianificazione si impegnerà a garantirti il massimo risultato nei tempi prestabiliti.
POSSO ORDINARE UN PRODOTTO CHE NON TROVO SUL SITO? Certamente sì. Puoi metterti in contatto con noi attraverso il nostro modulo di contatto, il nostro numero di telefono 085.4223075 la nostra chat sul sito o inviando un’email a info@liberatosciolicasa.it e comunicarci la marca e il modello che desideri.

Dettagli

Trend.jpg

Tessere di mosaico di vetro semitrasparente colorato in fusione, miscelato con graniglia di smalti o di avventurina. Questa miscelazione separata permette di ottenere le classiche venature presenti nelle tessere. Avventurina: pietra artificiale prodotta attraverso la fusione (1200°C circa) di sabbia silicea, rame e componenti per colorazione. Anticamente dal XVII secolo, questo processo riservava una certa “incognita“ nel risultato della realizzazione del colore e per questo produrla era un pò un’avventura, da questo la definizione di “avventurina“.

· Formato 3 x 3,5 cm.
· Spessore ~ 5 mm.
· Tessere svasate e bisellate.
· Fogli da 32,6 x 35 cm.
· Giunto ~ 2 mm.

Fornito su supporto TREND PLUS.

Hexagonal 270

VANTAGGI: La “disomogeneità” di colore tra le tessere è una peculiarità del prodotto che rende l’effetto globale della superficie piacevolmente vivace e irregolare. La colorazione semitrasparente del mosaico Hexagonal lo rende adatto ad applicazioni particolarmente raffinate in cui la lucentezza e la trasparenza giocano un ruolo 

APPLICAZIONI: Il mosaico Hexagonal può essere posato a pavimento e/o a rivestimento, interno ed esterno, anche a contatto con l’acqua (come piatti doccia o piscine), perché data la dimensione della tessera (3 x 3,5 cm) e la presenza del giunto (2 mm), la superficie non risulta essere scivolosa. L’anassorbenza del mosaico non esclude in questi tipi di applicazioni l’impermeabilizzazione del sottofondo di posa.

DIMENSIONI: 3 x 3,5 cm3 x 3,5 cm

SUPERFICIE: Semitrasparente - Setosa

PATTERN: Tinta piattaTinta piatta

AMBIENTI: Cucina - Bagno - Camera da letto - Soggiorno - Esterni - Pavimento domestico - Hotel - Showroom - Piscina e Spa - Ambienti di lavoro.

STILE: Contemporaneo - Moderno - Naturale - Tradizionale - Transizionale.

SOSTENIBILITA': Con bassa emissione di VOC - Con materiale riciclato.

Risparmia tempo e fastidi seguendo queste semplici istruzioni per l’installazione del mosaico: Qualsiasi tipo di posa ha inizio con la verifica delle condizioni del cantiere. Per le pose all’aperto è preferibile valutare la possibilità di una copertura totale o parziale. I sottofondi devono essere correttamente stagionati: la pratica di cantiere suggerita anche dal fabbricante di adesivi è di attendere 28 giorni per i massetti e gli intonaci cementizi, 90 giorni per i getti di calcestruzzo. I sottofondi a base anidrite ammettono un massimo di 0,5% di umidità residua. É di massima importanza, inoltre considerare attentamente l’influenza della temperatura su collanti e materiali: in presenza di temperature inferiori a 10° C il perfetto asciugamento della colla rallenterebbe molto con possibili problemi sulla tenuta a lungo termine; con temperature superiori ai 35° C, è opportuno effettuare le operazioni di posa negli orari di minor insolazione, ossia al mattino e nel tardo pomeriggio, ombreggiando il cantiere durante le ore più calde per prevenire una possibile disidratazione dei collanti. Oltremodo importante è tenere in considerazione l’effetto disidratante del vento, soprattutto durante la posa di rivestimenti esterni di facciate o su navi. Nel caso specifico di piscine, è possibile che sia richiesta una prova di tenuta per valutare adeguatamente il comportamento della struttura. Vasche, piatti doccia e idromassaggio devono invece essere impermeabilizzate con appositi prodotti. Prima della rasatura e della posa devono essere accuratamente rimosse tutte le tracce di sporco; dovranno inoltre essere asportate tutte le parti incoerenti e dovrà essere accuratamente rimossa la polvere superficiale.

Strumenti tecnici per la posa del mosaico

· Smerigliatrice angolare con disco diamantato a corona  continuo per taglio mosaico

·  Disco diamantato “special” da taglio 110 mm

·  Set misurazione: metri e matite

·  Battifilo per la tracciatura delle linee di riferimento principali. 

   Pinza da mosaicista e cutter

·  Set di cazzuole e spatole

·  Spatola dentata (predisporre la dimensione adeguata al materiale da posare e al tipo di supporto)

·  Spatola gommata per stucco e spatola con feltro

·  Vaschetta con rulli e spugna per pulizia

·  Trapano miscelatore a bassa velocità con frusta elicoidale, necessaria per mantenere inalterate le caratteristiche dei moderni collanti

·  Collante per mosaici

·  Tutti gli strumenti devono essere puliti ed esenti da ruggine

PREPARAZIONE DEL SOTTOFONDO: Il sottofondo deve presentarsi compatto e non fessurato. Qualora tenda a sfarinarsi o sia ondulato dal ritiro, non è adeguato come supporto della posa e si deve procedere con opportuna rasatura. La rasatura è inoltre necessaria in tutti quei casi in cui il fondo di posa non risulti perfettamente planare. Con il collante Trend è possibile realizzare rasature fino a 5 mm per correggere i piccoli difetti del sottofondo, questa operazione deve essere eseguita almeno 24 ore prima della posa. Per la rasatura di spessori superiori ai 5 mm, si consiglia l’utilizzo di prodotti specifici di colore bianco. Il mosaico, a meno di diversa scelta del committente, viene generalmente posato con adesivi bianchi per evitare di alterare il colore. Qualora il sottofondo sia grigio, o scuro, è consigliabile una rasatura con il collante bianco prima di iniziare la posa, in modo da uniformarne la colorazione.

PREPARAZIONE ALLA POSA: L’inizio di ogni fase di posa avviene con l’apertura delle confezioni imballate di mosaico. É opportuno verificare sempre lo stato dei singoli fogli contenuti nelle scatole, ed è buona norma mantenere il materiale da posare alla stessa temperatura dell’ambiente in cui si opera. Si procede individuando il punto da cui partire, riportandolo sulla parete di posa. Si tracciano delle linee guida ortogonali tra loro che corrispondano a dei multipli dei fogli di mosaico precedentemente misurati. Solitamente si tracciano dei quadri da 3 x 3 fogli, ovviamente nel caso di posa in parete, le linee guida dovranno essere orizzontali e verticali. Una volta effettuata la tracciatura delle linee di posa, si stende la colla sul fondo dapprima con la parte liscia di una spatola dentata per garantirne l’applicazione su tutta la superficie, in seguito si rimuove l’eccesso con la parte dentata (dente quadro da 3 x 3 mm per supporto CARTA e dente quadro da 4 x 4 mm per supporto PLUS) avendo cura di mantenere una inclinazione della spatola ed una pressione adeguata affinché non resti sul fondo più del collante necessario.

POSA DEL MOSAICO SU PLUS: Una volta effettuata la tracciatura delle linee di posa e stesa la colla utilizzando la spatola dentata da 4 x 4 mm, si inizia la posa applicando i fogli di mosaico con la maglia poliuretanica "plus" rivolto verso la superficie da posare e senza esercitare troppa pressione. Con la spatola gommata battere sul mosaico per assicurarne una perfetta adesione. Durante questa operazione è possibile correggere eventuali errori di allineamento colpendo delicatamente i fogli in senso laterale. 

La colla non deve sbordare dalle fughe. Qualora accadesse, significa che si sta utilizzando una spatola con il dente troppo grande; oppure il fondo di posa non è perfettamente planare ed in alcuni punti vi è un eccesso di collante; o ancora che non si sta correttamente utilizzando la spatola dentata. Durante la posa si può presentare la necessità di alcuni interventi manuali sui fogli di mosaico. Nel caso specifico l’operatore intervenie semplicemente rimuovendo la singola tessera, sostituendola con un’altra. Facendo attenzione che la colla sia ancora lavorabile.

Una volta indurito il collante si può procedere alla stuccatura finale.

POSA DEL MOSAICO SU CARTA: In questo caso il supporto è costituito da una carta speciale e richiede quindi operazioni specifiche per la posa. Per prima cosa la carta non va appoggiata direttamente alla colla ma è posta a protezione delle tessere sul lato che rimane a vista. Si consiglia di utilizzare una spatola dentata da 3 x 3 mm. Per facilitare una posa corretta osservate bene la carta: presenta delle righe che vanno mantenute generalmente nello stesso senso e, nel caso di parete, meglio se in verticale. I fogli vanno così predisposti applicando le tessere direttamente sulla colla. La carta rimane a vista del posatore. Attenzione alla distanza tra un foglio e l’altro: deve essere la stessa esistente tra una tessera e l’altra in maniera da rendere il risultato finale armonioso nel suo insieme. Completata la posa battere i fogli con spatola gommata e lisciarli con il cazzuolino idoneo. La rimozione della carta avviene bagnando la superficie con la spugna imbevuta d’acqua ripetendo più volte l’operazione fino a quando la carta si staccherà con facilità. Agire delicatamente perché in questa fase il collante è ancora fresco. Rimuovere la carta in senso diagonale dal basso verso l’alto. Prima che la colla abbia fatto completamente presa si possono regolare le distanze tra le tessere per rendere tutte le fughe uniformi.

É una delle fasi più delicate ma che attribuisce un valore aggiunto al lavoro finale. Una volta che il collante si è indurito e prima di inziare la fase di stuccatura è MOLTO IMPORTANTE eseguire la pulizia delle tessere per eliminare completamente tutti i residui di colla rilasciati dalla carta.

FUGATURA E PULIZIA FINALE: Rispettato il tempo minimo di maturazione del collante: 24 ore per la posa in parete verticale e 48 ore per la posa a pavimento per consentire il suo calpestio, si procede al riempimento dei giunti. Con la spatola gommata spalmare il fugante con movimenti verticali e orizzontali esercitando una leggera pressione per riempire al meglio i giunti. Passando in senso diagonale si rimuove la maggior parte del riempimento eccessivo. Una volta applicato lo stucco Make-up Acqua, e prima che cominci ad indurire, iniziate la pulizia usando detergente Trend Clean diluito in acqua ed aiutandosi con un feltro morbido passandolo più volte con movimento circolare sulle tessere per emulsionare l’eccesso di stucco e lisciare le fughe. Per la pulizia definitiva della superficie utilizzare una spugna di alto spessore, inumidita con acqua pulita, per evitare di scavare le fughe. Agire in senso rotatorio per riemulsionare il velo di stucco sulle piastrelle e rifinire la superficie della fuga. Specifici polimeri ad elevata disperdibilità garantiscono la rimozione dei residui di stucco utilizzando una quantità d’acqua ridotta che andrebbe ad influire negativamente sulle resistenze chimiche finali. Importante risciacquare frequentemente e mantenere l’acqua sempre pulita e sostituire, se necessario, la spugna od il feltro impregnati di stucco. Ultimare la pulizia intervenendo in senso diagonale alle piastrelle per evitare di scavare le fughe. Una successiva asciugatura con panno della superficie appena pulita garantisce la pulizia totale da eventuali alonature di resina rimaste. A stucco indurito eventuali alonature potranno essere rimosse con Trend Special Clean puro in base alla quantità di residui da rimuovere. Non calpestare i pavimenti ancora umidi per evitare di depositare residui di sporco.

CURA E PULIZIA DEL MOSAICO: Non usare cera, oli, acido fluoridrico e acido fosforico o prodotti che li contengono. Per la pulizia straordinaria di depositi di calcare, si consiglia di usare un detergente leggermente acido mentre in tutti gli altri casi usare prodotti leggermente basici, nei modi e nelle dosi consigliate dal produttore, risciacquando subito dopo e più volte con abbondante acqua pulita. Si consiglia all’interno delle docce e sulle pareti delle vasche di utilizzare il prodotto specifico Trend Brillant per la pulizia quotidiana con effetto antipioggia e brillantante. Forma un velo protettivo che evita la formazione di aloni e calcare lasciando un gradevole profumo di pulito.

Trend.jpg

PROFILO: “TREND”, sinonimo di tendenza, è un termine che indica la direzione verso cui si muove il cambiamento. Sin dalla sua fondazione nel 2000, TREND Group ha saputo imporsi in breve tempo come una realtà anticipatrice di nuove tendenze, leader nella produzione di materiali di pregio quali vetri colorati, smalti veneziani, tessere a foglia d’oro e agglomerati di vetro, quarzo e granito: soluzioni d’autore in grado di sintetizzare alla perfezione i principi essenziali della tradizione italiana con la dinamica creatività dei più famosi designer, architetti ed artisti contemporanei. Il Gruppo ha abbracciato questa filosofia generale, combinando ad arte le pregiata tradizione dell’ottocentesca fornace veneziana Angelo Orsoni - luogo di eccellenza creativa in cui da quattro generazioni si tramandano alchimie misteriose - con l’innovazione del suo moderno impianto ingegnerizzato situato in Florida e dedicato alla produzione di agglomerati. Con impianti di produzione e assemblaggio dislocati in quattro continenti e sedi operative presenti in oltre 50 paesi, TREND distribuisce annualmente più di 1,5 milioni di metri quadrati di tessere di mosaico in vetro e 800.000 metri quadrati di superfici in agglomerato. Abile nel coniugare il gusto della tradizione con un’attenta sensibilità all’evoluzione dei mercati, l’Azienda coltiva senza sosta una forte vivacità culturale ed un fine spirito creativo – testimoniati dal suo sostegno nei confronti dell’arte contemporanea, in qualità di membro dell’associazione Intrapresae Guggenheim e fondatore del premio biennale Orsoni Prize per l’arte musiva internazionale -  ma anche un uso sapiente della tecnologia, con un occhio di riguardo nei confronti dell’ambiente. Aspetto, quest’ultimo, che con il tempo ha condotto TREND ad una vera e propria svolta eco-friendly, grazie alla quale l’Azienda è oggi definibile, a tutti gli effetti, una “green company” a 360°.

Recensioni

Scrivi una recensione

TREND - MOSAICO COLLEZIONE HEXAGONAL NUMERO 270

TREND - MOSAICO COLLEZIONE HEXAGONAL NUMERO 270

Tessere di mosaico di vetro semitrasparente colorato in fusione, miscelato con graniglia di smalti o di avventurina. Questa miscelazione separata permette di ottenere le classiche venature presenti nelle tessere.

Trend.jpg

30 altri prodotti della stessa categoria:

Scarica